La rivincita del kitesurf sul calcio

Video

La rivincita del kitesurf sul calcio

Il calcio è lo sport più popolare al mondo, il più ricco, il più raccontato dai media e probabilmente il più giocato a livello amatoriale. Però per un giorno, un solo giorno, a Parigi questa stucchevole e tracotante supremazia ha dovuto cedere il passo a un gruppo di rider che con le loro ali e tavole da kitesurf hanno fatto una bellissima invasione di campo…

In questi giorni il livello della Senna a Parigi ha raggiunto il suo picco massimo da oltre 100 anni e in alcune parti della città francese il fiume è tracimato creando danni, ma anche scenari suggestivi. Quello che infatti è stato un incubo per migliaia di cittadini alle prese con una mobilità urbana già stressante di suo nella capitale francese si è rivelata una straordinaria opportunità di divertimento per altri. Indovinate chi? Ma i kiter ovviamente! Lo scorso week end infatti si sono ritrovati nel campo di calcio di Bagatelle, vicino al circuito di Longchamp, che per l’occasione era pieno d’acqua e si sono lanciati in session urbane in questa sorta di laguna improvvisata con venti costanti e acqua super piatta.

 

Quei rider parigini, meglio dei centravanti

Al di là della piacevole sorpresa e di questa inaspettata opportunità di fare kite, divertirsi e vivere un territorio cittadino in maniera inedita, quel gruppo di rider ha fatto anche una cosa più importante, forse un po’ magica e idealistica anche se illusoria, ossia prendersi una bella rivincita sullo sport del calcio, la sua popolarità roboante, la sua copertura mediatica esagerata, la sua spocchia di disciplina regina a discapito dei cosiddetti sport minori, come il kite.

Navigare, saltare ed eseguire trick su un campo di calcio, tra quelle due porte, su quel prato verde ricoperto per qualche ora d’acqua, ha il sapore di una bellissima rivalsa. Il calcio è uno sport bellissimo, è quasi banale dirlo, però per un giorno, un solo giorno, quei kiter parigini sono stati più sublimi di un goal…

David Ingiosi

 

Guarda il video: